logo
Banda Folkloristica Telve
stemma

FB Instagram





                     La Storia

 

Le prime fonti storiche dell'attività bandistica a Telve in Valsugana, risalgono al 1923, come attesta il documento qui riprodotto, riguardante la richiesta, redatta dal barone Francesco Buffa, presidente del "Comitato Banda Sociale" e inoltrata all'amministrazione comunale dell'epoca, perché supporti finanziariamente la costituzione di una banda musicale.

La banda ebbe il suo battesimo nel 1924, alla guida del maestro Augusto Cattarozzi; la direzione, in seguito all'alternanza di maestri "esterni", fu poi assunta dal maestro Pietro Campestrin, persona destinata a lasciare la sua indelebile impronta nello scenario della vita culturale locale.

Il complesso rimase in vita fino al 1939, cioè fino alla vigilia della seconda guerra mondiale. Presidente ne era Rodolfo Franzoi.

Si ricostituì nel 1946/'47, ancora diretta da Pietro Campestrin, con alla presidenza il Maggiore dei Carabinieri a riposo Giulio Imeni: "memorabile la prima uscita", si ricorda in paese, con festose marce al seguito del trasferimento degli incartamenti dal Comune di Borgo Valsugana al ricostituito Comune di Telve (Frazione dal 1928 al 1947).

La banda continuò la sua attività fino al 1951/'52, data di scioglimento per contingenti problemi di emigrazione, che furono all'origine di numerosi abbandoni.

Caparbiamente voluti da Pietro Campestrin, furono organizzati dei corsi di formazione musicale nel 1959; tre anni dopo nacque la "seconda banda musicale", ovvero la Banda Sociale di Telve, diretta sempre dal maestro Pietro Campestrin e presieduta da Mario Gianesini; l'organico iniziale di 20-25 elementi aumentò progressivamente fino al 1971/'72, periodo in cui la banda conobbe nuovamente problemi interni, similmente a quanto accadeva nella vicina banda di Borgo. 

Si pensò che aggregando le forze si potesse far meglio fronte alle esigenze sempre più onerose. Vide così la costituzione, non senza forti attriti e numerose resistenze interne da parte telvata, la "Banda Sociale Comprensoriale della Bassa Valsugana" con sede a Telve, sul podio come direttore ancora Pietro Campestrin.

Nel 1977, nel ritorno da un concerto in Renon a seguito di un investimento stradale, muore il maestro Campestrin, la cui memoria, dopo mezzo secolo di appassionato e apprezzato lavoro nel mondo amatoriale della musica bandistica, è ancora viva in molti suoi compaesani.

Nel 1980 la sede della Banda Comprensoriale è a Borgo.


 

UN NUOVO CAPITOLO:

 

LA BANDA FOLKLORISTICA DI TELVE
 

Una nuova fase per la vita amatoriale bandistica si apre a Telve con gli anni '90.

Nel 1991 alcuni simpatizzanti ed ex suonatori della "vecchia" banda di Telve, pensarono di dar vita ad una nuova istituzione bandistica ma con una caratteristica ben precisa: sommare la tradizione musicale bandistica, ancora viva e mai completamente sopita in paese, con l'originalità folkloristica di un costume autoctono. 

L'impresa si configurava assai ambiziosa e non priva di difficoltà, considerando le incessanti e permanenti difficoltà di altre similari istituzioni.

Sotto la valida presidenza di Aldo Agostini, e grazie la sensibilità dall'amministrazione comunale del tempo guidata dal Sindaco Dott. Carlo Spagolla, fu realizzato dopo un lungo periodo (durato circa tre anni fra attività di ricerca, studio e realizzazione dei bozzetti), il costume folkloristico oggi in dotazione alla banda, che riproduce l'abito festivo portato nella seconda metà del 1800 dalla popolazione di Telve e dintorni. Per la meticolosità e la rigorosità della ricerca effettuata, il costume ha ottenuto il riconoscimento e l'attestazione d'autenticità dell'Associazione Provinciale per la tutela degli usi e costumi con sede a Bolzano.

Nel frattempo fu chiamato a dirigere la neonata banda un giovane maestro telvato, già allievo bandista del citato Campestrin e strumentista nella formazione bandistica comprensoriale, diplomatosi in fagotto, non giovanissimo, ma in soli quattro anni al Conservatorio di Trento: Bernardino Zanetti. Dotato di un ampio bagaglio tecnico, sensibilità musicale coadiuvato da alcuni validi musicisti sia di Telve che dei paesi vicini, il maestro è riuscito a portare la banda a livelli entusiasmanti, considerando il lasso di tempo intercorso dall'avvio dell'attività.

La banda infatti ha eseguito il suo primo concerto pubblico il 1° maggio 1993, ed ha partecipato al 1° concorso di classificazione provinciale tenutosi a Riva del Garda nel novembre 1994. Iscritta alla seconda categoria, ivi é stata confermata con eccellenti responsi da parte della giuria internazionale con la valutazione media dei due brani eseguiti esattamente di 8,0 decimi. 

Negli anni che si sono succeduti la banda è cresciuta in numero e competenza, i suonatori che si sono alternati sono numerosi, le manifestazioni a cui ha partecipato sono molteplici, in alcune occasioni il complesso ha avuto l'onore di rappresentare la Regione Trentino-Altoadige e la Provincia Autonoma di Trento. La competenza del maestro da sole non bastano a giustificare il successo dell'iniziativa. Egli è affiancato da validi musicisti che in questi anni hanno profuso impegno e dedizione nei vari campi in cui s'articola l'attività del complesso bandistico.

Dal 1996 è stata costituita la Banda Giovanile, formata dagli allievi che frequentano i corsi di teoria/ritmica e di strumento, che ogni anno vengono organizzati con l'ausilio della Federazione delle Bande della Provincia di Trento. La Banda giovanile nei primi anni fu diretta dal prof. Stefano Pecoraro diplomato in corno, il quale ha seguito per diversi anni anche la preparazione del gruppo ottoni. Un grande lavoro di preparazione è stato poi svolto e svolge tuttora il Prof. Calvino Giuseppe, il quale oltre a curare da anni la preparazione teorica degli allievi, è il maestro di strumento per i sax e le percussioni, mettendo a disposizione l'indiscussa competenza e l'alta specializzazione che lo contraddistingue.

Dal 2018 la carica di Presidente è presieduta dal Sig. Lorenzo Pecoraro.

 





Copyright © 2018 Banda Folkloristica di Telve All rights reserved.